In attesa di sapere se i benefici saranno prorogati anche nel 2022, bisogna ricordare che il Documento Programmatico di Bilancio, legato alla Legge di Bilancio, prevede per tutto il 2021 la detrazione IRPEF al 50% per le spese sostenute per l’acquisto e per la sostituzione di infissi e serramenti. In questo caso, gli interventi che rientrano nel bonus riguardano:

  • il rafforzamento di finestre e porte finestre;
  • l’installazione o la sostituzione di persiane, oscuranti, avvolgibili e, così come di porte d’ingresso, serrature, lucchetti o spioncini;
  • la sostituzione di saracinesche e tapparelle metalliche;
  • l’installazione di vetri con caratteristiche termiche adeguate o vetri antisfondamento e di sistemi di rilevazione per l’apertura, l’effrazione e telecamere di videosorveglianza

Per rientrare nell’Ecobonus, sarà necessario che:

  • la sostituzione, il rafforzamento o l’installazione degli infissi riguardi edifici esistenti o in corso di costruzione;
  • gli interventi dovranno assicurare il miglioramento dell’efficientamento energetico dell’abitazione (e la detrazione fiscale può arrivare al 65% se la sostituzione è abbinata ad altri interventi di efficientamento complessivo come quelli visti nel paragrafo precedente).
  • i nuovi infissi dovranno garantire un valore di trasmittanza termica inferiore o uguale al valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M. (certificazione di isolamento termico);
  • gli infissi devono essere installati in prossimità di aree riscaldate dell’abitazione.
  • l’intervento di sostituzione non dovrà essere configurato come nuova installazione potrà includere anche le opere murarie necessarie per concludere i lavori, come specifica anche l’Agenzia delle Entrate nella guida alle agevolazioni per il risparmio energetico.
    Per trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze è opportuno rivolgersi ad un team di esperti che operano nel settore infissi da oltre trent’anni, che possono fornire tutto il supporto tecnico nonché la documentazione per accedere al bonus, ivi inclusa la dichiarazione redatta da un tecnico abilitato che indichi il valore di trasmittanza dei nuovi infissi (oltre al documento che comprovi quello dei vecchi infissi) o la certificazione che ne attesti il rispetto dei requisiti.
    La detrazione è estesa a tutti i contribuenti proprietari dell’immobile o a chi ne possieda la nuda proprietà o l’usufrutto, mentre per immobili in locazione la si potrà richiedere soltanto nel caso in cui non si tratti di beni strumentali o merce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *